Agopuntura e neuropatia periferica

La neuropatia periferica indotta dalla chemioterapia (CIPN) è uno degli effetti collaterali più importanti che costringe a limitare la dose nei pazienti affetti da tumore al seno, fino a raggiungere il 97% dei pazienti, a cui vengono somministrati taxani, che presenta questo sintomo nei mesi e negli anni successivi al trattamento del cancro al seno. CIPN spesso porta alla perdita della funzione fisica; difficoltà nelle attività di vita quotidiana e diminuzione della qualità della vita (QOL). Sono stati sviluppati pochi interventi efficaci per alleviare il CIPNper questa tipologia di pazienti. Abbiamo condotto una prova pilota randomizzata controllata per valutare la fattibilità, la sicurezza e l’effetto preliminare di un intervento di agopuntura sul CIPN nei reduci dal cancro al seno.

METODI: Sono stati coinvolti e randomizzati 1:1 i pazienti con tumore al seno di stadio I-III che hanno sperimentato CIPN dopo il completamento di un ciclo di chemioterapia contenente taxani . I pazienti sono stati smistati in gruppi di intervento di agopuntura immediato  o gruppo di controllo con intervento ritardato. I partecipanti sottoposti ad agopuntura hanno ricevuto 18 sessioni di un protocollo di agopuntura standardizzato per 8 settimane mentre il gruppo di controllo ha ricevuto un protocollo di agopuntura a più basso dosaggio composto da 9 sessioni di agopuntura in 8 settimane dopo il periodo di controllo iniziale di 8 settimane. Le misure di valutazione comprendono il questionario per la neurotossicità del paziente (PNQ), la valutazione funzionale della sottoprogramma di neurotossicità per la terapia del tumore (FACT-NTX)il European Organization for Research and Treatment of Cancer Quality of Life Questionnaire Chemotherapy-induced Peripheral Neuropathy  (EORTC QLQ-CIPN20). Dati raccolti all’inizio e alle 8 settimane dopo l’iscrizione.

RISULTATI: Sono stati iscritti un totale di 40 pazienti; 20 sono stati randomizzati al gruppo di agopuntura immediata e 20 da controllare. Tutti i pazienti iscritti erano donne, l’età media era di 54 anni, il tempo medio tra l’iscrizione e il completamento della chemioterapia era di 14,3 mesi e il 72,5% dei partecipanti erano bianchi. Trentadue pazienti (84%) hanno completato almeno l’80% delle sessioni richieste. Non sono stati osservati effetti collaterali gravi di agopuntura. I partecipanti sottoposti ad agopuntura immediata hanno registrato miglioramenti nel punteggio sensoriale PNQ (p = 0,02), nel punteggio di sintesi FACT-NTX (p = 0,002) e nel punteggio EORTC QLQ-CIPN20 (p = 0,006) rispettivamente del 40% e 36% Miglioramento del 53% dei sintomi CIPN, rispetto ai controlli.

CONCLUSIONI: Le donne con CIPN dopo la terapia per il cancro al seno hanno sperimentato un miglioramento significativo e clinicamente significativo nei sintomi della neuropatia a seguito di un protocollo di agopuntura di 8 settimane.

Data la prevalenza della neuropatia indotta da taxani nelle donne trattate per il primo cancro al seno, l’agopuntura potrebbe migliorare significativamente QOL e lo stato funzionale di migliaia di donne trattate per il cancro al seno ogni anno.

Sono necessari studi più grandi per confermare questi risultati e valutare l’impatto dell’agopuntura sulle misure funzionali in donne con CIPN.

Acupuncture for chemotherapy-induced peripheral neuropathy in breast cancer, preliminary results of a pilot randomized controlled trial. W Lu, et al. Cancer Research, February 2017, Volume 77, Issue 4

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...